Connessione veloce: tutti i vantaggi della fibra ottica

Di , scritto il 26 Dicembre 2019
fibra ottica

Le tecnologie per consentire una navigazione veloce in internet sono state protagoniste di profonde trasformazioni e innovazioni. Dal vecchio 56 K alla fibra ottica, la connessione con il web ha subìto nel corso degli anni una vera e propria rivoluzione, in termini di qualità.


Moltissimi utenti sono attratti dalla fibra ottica, ma è bene ricordare che la copertura è ancora in fase di sviluppo nelle periferie e nelle città più piccole. Per verificarne la disponibilità o meno, i portali delle compagnie telefoniche, come per esempio Fastweb, si avvalgono di uno strumento dell’AGCOM divenuto obbligatorio nei primi mesi del 2019. Si tratta di un semaforo che indica il tipo di copertura in determinate locazioni: verde, giallo e rosso a denotare copertura completa, parziale, o ancora inesistente.

ADSL e fibra ottica, attualmente i tipi di connessione più utilizzati in Italia, viaggiano sempre per mezzo di cavi interrati, ma c’è una differenza sostanziale: mentre la prima utilizza un cavo classico in rame, la seconda impiega filamenti molto sottili in fibra di vetro. Questo materiale, protetto esternamente da una guaina di gomma, impedisce qualsivoglia dispersione e consente di trasportare i dati con maggiore velocità a distanze notevoli: a tal proposito, la Fibra ottica Fastweb, ad esempio, viaggia fino a 1 Gigabit al secondo.Fastwebè stata tra le prime aziende telefoniche in Italia a implementare tecnologie innovative come questa e, ad oggi, vanta una copertura in fibra ottica di oltre 40 mila chilometri in tutta Italia.

Le diverse tipologie di fibra

A livello tecnico, la fibra ottica si differenzia in base alle diverse tipologie di cavo utilizzato: la migliore, come già accennato, è quella che impiega, dall’inizio alla fine del percorso, la fibra di vetro perché è il materiale che consente maggiore stabilità. Viene denominata anche Fiber to the Home, acronimo FTTH: ultimamente, è studiata una tecnologia innovativa a completamento di questa, che in futuro potrebbe consentire una velocità di connessione vicina ai 40 GB al secondo.

La FTTC, o Fiber to the Cabinet, invece, impiega la fibra di vetro solo nel percorso tra la centralina di prossimità alla centrale generale, mentre all’abitazione arriva il classico filo di rame; al contrario, la tecnologia FTTB, ovvero Fiber to the Building, ha la fibra ottica solo dalla centralina all’abitazione. Soprattutto nel primo caso, la velocità dei dati viene compromessa dall’utilizzo del rame, che può disperderli più facilmente e ne rallenta leggermente la corsa. Entrambe, comunque, sono già un’ottima alternativa alla classica ADSL, e rappresentano lo stesso un’innovazione, specie nei centri meno serviti dove non si pensava di poter arrivare.

Prestazioni ottimizzate con la fibra

La fibra ottica consente anche un equilibrio ottimale di trasmissione tra upload e download, ovvero tra i dati in uscita e quelli in entrata. Le prestazioni, quindi, con la fibra risultano migliorate sotto tutti i punti di vista: guardare un film in streaming, scaricare la musica acquistata sul web o giocare in rete con altri utenti saranno tutte operazioni fluide, che non subiranno mai intoppi o rallentamenti di sorta. Inoltre, è possibile connettere più dispositivi contemporaneamente e godere di risultati eccellenti senza che la navigazione sia penalizzata dal gioco online e viceversa. Chi si trovi a gestire più dispositivi in casa, infatti (dal PC alle console, agli smartphone), preferisce avvalersi delle qualità della più versatile fibra ottica, proprio per un discorso di stabilità e prestazioni ottimali in questi casi specifici.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTrend.it – Guida alle novità tecnologiche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009