Myyard Formart 2, la stampante 3D per duplicare gli oggetti

Di , scritto il 23 Marzo 2021
Myyard Formart 2

Il mondo della termoformatura è il punto di arrivo della stampante 3D Myyard Formart 2. Prendendo un oggetto stampato in 3D (o un altro oggetto), con la formatura sottovuoto si possono creare infinite copie, confezioni o stampi di esso. In particolare, questa stampante ha preimpostazioni per 16 diverse plastiche e tre preimpostazioni di potenza per quanti sono alle prime armi con la termoformatura. Inoltre, a differenza di altri modelli, non richiede un aspirapolvere esterno.

Da cosa è composta Myyard Formart 2?

È un modello desktop dotato di tecnologia di rilascio automatico dello stampo. Le ventole raffreddano istantaneamente la plastica formata, mentre una valvola di inversione trasferisce la pressione dell’aria verso lo stampo. Quest’ultimo processo facilita la rimozione del prodotto (in modo rapido e sicuro). Inoltre, Myyard Formart 2 ha un sensore di pressione integrato e offre una pressione del vuoto fino a -90 kPa e bassa fino a -10 kPa. Questa stampante 3D è ottimizzata per i materiali PET, HIPS, PP e TPU.

Come funziona?

Basta riporre un telo di plastica piatto sul supporto affinchè la macchina lo riscaldi e ne modifichi la forma sulla base dell’oggetto originale. Successivamente una pompa aspirerà l’aria, formando un modello 3D da utilizzare come stampo singolo o da assemblare con altre parti.

L’obiettivo è che Myyard Formart 2 diventi una macchina formatrice sottovuoto intelligente per uso domestico e laboratori artigianali. Attualmente la stampante ha un prezzo di riserva di 1800 dollari e il kit comprende fogli di formatura in PET e 30 fogli di polistirene antiurto.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloTrend.it – Guida alle novità tecnologiche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009