LG presenterà un televisore 8K da 55 pollici al salone CES 2015

Di , scritto il 15 Dicembre 2014

televisore LG 8K da 55 pollici I televisori 8K non sono più una novità: li abbiamo visti più volte nel corso degli appuntamenti più importanti dell’hi-tech come il salone CES e l’IFA degli ultimi anni. Ma in quasi tutti i casi le diagonali dello schermo erano più una dimostrazione di potenza tecnologica che una realtà applicabile.

Nel prossimo salone dell’elettronica di Las Vegas, il CES 2015, LG – il maggiore concorrente di Samsung nel settore degli schermi televisivi – presenterà un televisore 8K da 55 pollici, con una risoluzione di 7680×4320 pixel, ovvero 33,2 milioni di pixels, con oltre venti controller di visualizzazione. Il prototipo si chiama Mabinogion e utilizza un sistema di subpixel per aumentare la luminosità dello schermo fino a raggiungere i 500 nit. Per sviluppare questo schermo, LG ha utilizzato delle immagini 3D generate da processori NVidia per verificare la qualità dell’insieme. Per il momento, i contenuti 4K sono ancora rari, ma cominciano a fare capolino, mentre i video in 8K sono attualmente inesistenti. Questo è il problema che dovranno affrontare LG e tutti gli altri costruttori di televisori tentati da questo salto tecnologico.

1 commento su “LG presenterà un televisore 8K da 55 pollici al salone CES 2015”
  1. Elia ha detto:

    Buongiorno, vorrei dire al responsabile dell’ articolo che la risoluzione 8k è 8 volte la full hd, quindi i megapixel sono 16, perché 32 mega pixel è la 16k, tecnologia che Sony aveva già mostrato come prototipo tempo addietro. Naturalmente con i sub pixel questa quantità verrà moltiplicata, con l’ RGB sarà 3 volte, con la RGBY ( SHARP) sarà 4 volte. Arrivederci.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloTrend.it – Guida alle novità tecnologiche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009