Acer Aspire One E100, il netbook perfetto per la scuola

Di , scritto il 15 Febbraio 2011

Un netbook perfetto per l’uso scolastico. Ecco Aspire One E100, già introdotto nelle scuole nella fase sperimentale del progetto europeo di Acer in collaborazione con lo European Schoolnet.

Il netbook in questione viene oggi giudicato uno strumento ideale per l’insegnamento. A renderlo riconoscibile, un bel colore azzurro metallizzato, ma è disponibile anche l’opzione che vede uno speciale rivestimento in gomma in grado di proteggerlo dai colpi e dall’usura di un intenso uso quotidiano. Il guscio può essere personalizzato sia dalla scuola che dagli studenti con disegni e serigrafie, come ad esempio il logo della scuola. Aspire One E100 è inoltre dotato una speciale tasca dove ogni studente può inserire un’etichetta con il proprio nome.

Acer Aspire One E100 dispone di una serie di software Education preinstallati o scaricabili gratuitamente tra cui Acer Classroom Manager, studiato specificamente per consentire agli insegnanti di istruire, monitorare e interagire con i loro alunni in classe o Fourier MultiLab Lite, un software in grado di simulare un laboratorio di fisica. Offre poi l’immediatezza e la velocità di connessione di Android per un accesso immediato al web, alla posta elettronica e ai social network.

Ulteriore caratteristiche tecniche: batteria con 8 ore di autonomia, dimensioni ridotte, display CrystalBrite ad alta luminosità da 28 cm retroilluminato a LED con una risoluzione di 1024×600 pixel, microfono digitale, processore Intel Atom, fino a un massimo di 1 GB di memoria DDR3, hard disk interno da 250GB e un lettore di schede multi-one per facilitare l’archiviazione e la condivisione dei file.

[via Slashgear.com]



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloTrend.it – Guida alle novità tecnologiche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009