Portachiavi con bandiera italiana: un regalo per le ricorrenze importanti

Di , scritto il 17 Gennaio 2019

Un po’ di patriottismo non guasta mai – e non solo in occasione delle partite di calcio della Nazionale!

Dovremmo trovare dei modi per rammentarlo più spesso a noi stessi e agli altri mediante qualche oggetto di uso quotidiano.

Quello che vedete nell’immagine è un accessorio che potrebbe forse fare al caso vostro quando siete alla ricerca di un “presente” originale e significativo per qualche persona cara in occasioni come compleanno, festa di laurea, pensionamento di familiari, amici, colleghi.

È prodotto da InterSpotlight e si chiama Portachiavi Italia: è un articolo dal design e dalle geometrie accattivanti, costruito in zinco e fibra di carbonio di alta qualità e in acciaio inossidabile.

Leggero (59 grammi) e resistente, sfoggia il tricolore italiano glitterato disposto su una fascia trasversale e appoggiato su uno fondo scintillante. Sul retro è inciso e dipinto il logo dell’azienda.

Il portachiavi viene presentato in una elegante custodia di design con chiusura con cernira. Le sue dimensioni sono 6,3 x 11,8 x 1 cm, e può fungere da contenitore per piccoli oggetti (spillo, ago, collana …) .

Il prezzo di questo vero e proprio gioiello, con il quale si potranno trovare facilmente le chiavi in tasca o in borsetta, è molto contenuto in questo momento! Vi lasciamo scoprire il prezzo sul portale Amazon dove la consegna è anche gratuita per i clienti Prime: portachiavi Italia

Vi lasciamo al videclip di presentazione del portachiavi, con il quale vi sembrerà quasi di tenerlo tra le mani per valutarlo di persona e potrete anche vedere come si presenta, si apre e si chiude la splendida confezione che lo contiene.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTrend.it – Guida alle novità tecnologiche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009